Eric Herrera si racconta a Lavello Talk: ”E’ stato un colpo di fulmine con la società”

Condividi 

Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on whatsapp

Eric Herrera si racconta, e lo fa a Lavello Talk, appuntamento settimanale dedicato ai tifosi gialloverdi: ‘’Contro il Taranto ci hanno punito due episodi, noi abbiamo cercato di mettere in campo il nostro calcio ma non ci siamo riusciti totalmente’’.

Sull’impegno contro il Molfetta: ‘’Ci stiamo preparando con lo spirito battagliero, consapevoli della nostra forza e di affrontare un campionato molto duro’’.

La scelta di Lavello: ‘’E’stato un colpo di fulmine, abbiamo impiegato quindici minuti per raggiungere l’accordo con il direttore Roma. Volevo si parlasse di Lavello, e ci stiamo riuscendo, mi ha colpito l’ambizione e la forza del progetto societario’’.

Il ruolo da playmaker: ‘’Me lo ha comunicato mister Zeman prima di Sorrento, sento che effettivamente sia un ruolo che mi possa far vivere una seconda giovinezza’’.

Le origini: ‘’Ho capito di voler fare il calciatore grazie a mia madre, ho capito di poterlo fare quando mi trovavo nelle giovanili dell’Hellas Verona ed ero in stanza con Jorginho’’.

La carriera con più di cento presenze tra i professionisti: ‘’La piazza che mi è rimasta nel cuore è Avellino, sono arrivato bambino e sono andato via da uomo, a Sorrento è stato un anno davvero magico con un ambiente dove si può far calcio’’.

La LND dice no al razzismo

Il Dipartimento Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti aderisce alla XVII Settimana d’azione contro il razzismo promossa dall’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali). La campagna “Keep Racism Out” ha come

Continua a leggere

Contatti Utili

comunicazione@lavellocalcio.it